arte

Quando l’arte incontra i vini Doc Venezia: ad ogni quadro il suo vino

Arte e Vino a Venezia sono un connubio irrinunciabile. Venezia si sa, è un’opera d’arte a cielo aperto, ricca di musei e gallerie, monumenti e quadri di artisti famosi. Il visitatore curioso ne assapora la grandiosità e la bellezza. Perché non rendere la scoperta di questa città un’esperienza di gusto e piacere davvero appagante? Come? Degustando i vini Doc Venezia che meglio interpretano le opere della città!

Ecco alcune proposte che ben si abbinano ad uno dei nostri winetour.

Arte contemporanea: un’esplosione di forme e colori

A Venezia si trovano alcuni dei più importanti luoghi dell’arte contemporanea: il Guggenheim, Punta della Dogana, la Biennale. In questi tre luoghi dell’arte potrete immergervi nel trionfo di forme e colori di opere contemporanee e delle avanguardie storiche.

Guardando opere come queste il vino che più si adatta è il rosé Doc Venezia. Insolito, estroverso colpisce per diversi aspetti. Il colore di un gradevole rosato, e l’impatto gusto-olfattivo sono adatti a chi vuole essere affascinato dai contrasti. Profumi dolci e delicati di mora e ciliegia si accostano al gusto fresco e dissetante del lampone. La bollicina delicata dona brio ad ogni nuovo assaggio.

Arte antica: la bellezza che non tramonta mai

Antichi palazzi e chiese sono custodi di preziosi affreschi e quadri, ma l’istituzione in cui potrete trovare racchiuso il meglio dell’arte antica di Venezia si trova alle Gallerie dell’Accademia. Questo edificio neoclassico accoglie opere del Veronese, Giorgione, Carpaccio, Bellini. Davanti a queste opere del passato il Pinot grigio Doc Venezia, ben rappresenta le qualità di equilibrio e armonia. Il suo gusto fresco e delicato, persiste delicatamente nel tempo. Un vino elegante e di classe.

Architettura: la profondità e la sobrietà degli spazi

Esempi di notevole architettura a Venezia ce ne sono innumerevoli, si può trovare uno stile per ogni gusto. Dai magnifici palazzi gotici come Palazzo Ducale o la vicina Basilica di San Marco, si passa alle sobrie classiche forme in stile rinascimentale, come la Basilica della Madonna della Salute o la Chiesa dei Miracoli.

Non manca all’appello nemmeno l’architettura contemporanea, di cui ne sono esempio gli interventi di Carlo Scarpa presso la Fondazione Querini Stampalia e presso l’ospedale civile.

Quale vino degustare per apprezzare fino in fondo questo gioco di forme, materiali, e profondità? Il Merlot Doc Venezia è l’ideale. L’intensità data dal colore rosso, le sensazioni piacevoli di frutta, magari con un tocco di pepe, sembrano interpretare al meglio i diversi stili architettonici della città.

 

     aperitivo         venezia

SalvaSalva