I vigneti di Venezia sono salvi

I vigneti di Venezia sono salvi. Nonostante l’eccezionale alluvione che ha colpito la città e le sue isole, i vigneti ricadenti all’interno della denominazione DOC Venezia sono salvi.

 

Lo conferma anche il Direttore del Consorzio Vini Venezia, Stefano Quaggio, che intervistato ci fa sapere quanto segue:

“Non ci sono stati danni ai vigneti dovuti alla marea eccezionale avvenuta nei territori di Venezia degli ultimi giorni. Nonostante questi siano stati sollecitati anche dal vento, ci sono stati solo un paio di pali spezzati, già comunque ammalorati. Per quanto riguarda il vigneto -collezione, situato all’interno del Giardino Mistico dei Frati Carmelitani Scalzi di Venezia, in Sestiere Cannaregio, l’acqua alta non è arrivata, poichè si trova in una delle zone più alte della città, vicino alla Stazione dei Treni di Santa Lucia. È intatto anche il Brolo – Giardino, conosciuto per le coltivazioni di piante medicinali, da cui si ricava anche la materia prima per produrre l’acqua di Melissa. Per quanto concerne il vigneto nell’isola di Torcello, sebbene ci sia stata “l’Acqua Granda” (come l’hanno chiamata i Veneziani), non ha subito danni e le prospettive sono rosee, secondo le quali appunto, non ci dovrebbero essere problemi per le giovani viti.”