Il Consorzio Vini Venezia lancia la campagna social “Io brindo a casa”

Rimanere a casa in questi giorni può essere un momento in cui si riscoprono le proprie origini, attraverso i vini e le ricette della tradizione. A questo proposito, il Consorzio Vini Venezia lancia la campagna social “Io brindo a casa”.
Si tratta di un’iniziativa, rivolta a tutti i winelovers, con la quale invita a riscoprire i piatti della tradizione della Serenissima Repubblica di Venezia , abbinandoli ai vini del Consorzio Vini Venezia, tra cui quelli della denominazione Venezia DOC, prodotti nei vigneti una volta sotto l’egida del Leone di San Marco, il simbolo di Venezia.

“Io brindo a casa” è un’occasione di ritrovo e condivisione familiare

In questo momento di unione familiare le occasioni di condividere la cultura veneta sono molteplici, dall’aperitivo mattutino, con il cosiddetto “cichetin”, fino alla cena, passando per il pranzo, momento nel quale i Veneziani, mettevano in tavola il meglio che avevano a disposizione, frutto dei loro orti-giardini nella città oppure prodotto nei vigneti e nei campi agricoli in quelle che oggi sono le province di Treviso e Venezia.

Le ricette di Venezia abbinate ai vini di Venezia

Tra queste prelibatezze annoveriamo infatti il “fegato alla veneziana”, “risi e bisi” e le note “sarde in saor”. Si tratta di piatti che spesso venivano accompagnati ai vini prodotti nelle tenute dei Veneziani, come il Venezia DOC Bianco, il Venezia DOC Rosso, il Venezia DOC Rosè, il Venezia DOC Chardonnay  e il Venezia DOC Pinot grigio . Se per i primi tre facevano affidamento ai vitigni autoctoni presenti in zona e oggi recuperati dal Consorzio Vini Venezia, all’interno del Brolo dei Frati Carmelitani Scalzi di Venezia, in Sestiere Cannaregio, gli altri erano frutto di attività di importazione delle barbatelle (le giovani piantine di vite) e poi coltivate in quella che oggi è la Venezia DOC.

Condividete i vostri scatti sui social con l’hashtag #iobrindoacasa

Condividete i vostri scatti con i vini tutelati dal Consorzio Vini Venezia con l’hashtag #iobrindoacasa su Twitter, Facebook e Instagram, in segno di vicinanza ed unione alla città che ha messo le basi della cultura che appartiene a tutti i veneti, sia che siano questi residenti in Italia, sia anche all’Estero. Sentirsi veneti, a prescindere dalla propria cittadinanza, significa infatti vivere portando dentro di sé i valori di una Repubblica che grazie alla sua forza ha saputo vincere le difficoltà del suo tempo, vivere nel proprio splendore che ancora oggi tutti le invidiano accomunando diverse culture.