Bigoi in salsa e i vini Venezia DOC: lo stile di Venezia a tavola e nel bicchiere

I Bigoi in salsa e i vini Venezia DOC sono un ottimo modo per celebrare Venezia, le sue tradizioni e la sua storia a tavola, ma vediamo perché è un piatto così radicato in città e ormai nella cultura italiana.

La Giornata Mondiale della Pasta

La Giornata Mondiale della Pasta, che si celebra il 25 ottobre di ogni anno, è il giorno durante il quale si commemora il piatto probabilmente più famoso della cucina italiana nel Mondo, insieme alla pizza.
Molte sono le ricette che coinvolgono questo ingrediente all’interno di preparazioni più o meno elaborate, che si riaffacciano alla tradizione oppure prendono ispirazione dai trend salutistici moderni. Resta presente però che pur essendo un piatto semplice, può comunque suscitare emozioni in chi lo assaggia e perché no, far pensare come per altre pietanze a variazioni, in grado di migliorarne il gusto, ma in qualsiasi caso far pensare alla cara Italia.
L’Italia è il maggior produttore e consumatore di pasta al Mondo, con una crescita di consumi su base annua del 7,9% in volume e del 13,5% in valore, con le vendite di questo prodotto tipico che nella grande distribuzione pari a 107 milioni di € per la pasta 100% italiana. (fonte: Elaborazione “Il Sole 24 Ore” su dati Ismea, 2020). Ciò che fa piacere è che aumenta il consumo di quella derivante da filiera totalmente italiana, che sempre più si fa ambasciatrice, come i vini Venezia DOC dello stile di vita italiano.

La pasta nelle ricette in abbinamento ai vini Venezia DOC


La pasta, si abbina con facilità ai vini, lasciando spazio alla fantasia del cuoco al momento della sua preparazione, sia per gli ingredienti usati, sia per la tecnica di cottura. I vini Venezia DOC si prestano sia all’abbinamento con ricette della tradizione di Venezia e più in generale della cucina veneta, sia ad interpretazioni moderne, che tengano conto della modernità e dei cambiamenti degli stili di gusto.
Il piatto di pasta più famoso (foto in copertina) di Venezia, sono i “Bigoi in salsa”, un particolare tipo di spaghetto, originario del Veneto, preparato una volta in occasione dei giorni di magro (Vigilia di Natale, Venerdì Santo e Mercoledì delle Ceneri). Oggi invece è una pietanza servita tutti i giorni dai ristoratori di Venezia.
La sua preparazione prevede l’aggiunta alla pasta (cotta al dente) di cipolle (in origine coltivate negli orti e giardini delle isole di Venezia e sulla terra ferma dove c’erano i possedimenti dei Veneziani) affettate finissime insieme ad una pasta di acciughe (prodotto di commercio comune durante il periodo della Serenissima Repubblica), ottenuta cuocendole lentamente in olio di oliva extravergine (a suo tempo importato dai Veneziani oppure prodotto nelle colline a nord e a est dell’attuale provincia di Treviso).
È un piatto delizioso, che con semplicità rimanda alla tradizione e alla quotidianità di Venezia, purché sia abbinato a un vino Venezia DOC. Non sapete quale scegliere? Noi vi consigliamo il Venezia DOC Rosé spumante: fateci sapere cosa ne pensate.

 

Credits: Testo: Consorzio Vini Venezia; Foto: in anteprima Buonissimo.it, il calice Consorzio Vini Venezia