Ad Mensam e Prandium 2020, continua la storia del vino di Venezia

È da poco terminata la vendemmia presso il Vigneto – Giardino all’interno del Brolo dei Frati Carmelitani Scalzi di Venezia.

Con la raccolta delle uve destinate a diventare Ad Mensam e Prandium 2020, continua la storia del vino di Venezia.

Anche questo anno, le vigne ci hanno offerto grandi uve in buono stato fitosanitario, con una produzione stimata al di sotto del migliaio di bottiglie, una produzione quindi di nicchia, che vuole essere espressione della tradizione viticolo – enologica della Serenissima Repubblica.

In particolare, la maturazione delle uve è stata perfetta da tutti i punti di vista, rispecchiando quella dei vitigni atti a dare i vini Venezia DOC. poiché si tratta in gran parte delle varietà che sono coltivate all’interno della denominazione che vuole portare avanti i fasti di Venezia nella modernità.

La vendemmia, eseguita manualmente, ha avuto la collaborazione dei Frati Carmelitani Scalzi, i quali hanno partecipato molto volentieri, essendo la cura del creato parte delle attività lavorative della vita monastica, ha avuto luogo in perfette giornate di sole.

La particolare cura con cui sono state eseguite tutte le operazioni hanno permesso alle uve di arrivare in ottimo stato e di iniziare i processi naturali di vinificazione seguendo i ritmi della natura, continuando così l’attenzione nella produzione di prodotti artigianali e autentici, di cui il Consorzio Vini Venezia è orgoglioso alleato.

Il vigneto vuole essere infatti un testimone all’interno della città di Venezia (si trova a pochi passi dalla Stazione dei treni di Venezia Santa Lucia, presso il Convento dei Frati Carmelitani Scalzi) della storia di Venezia, ma soprattutto della denominazione Venezia DOC.

L’attività di cura del vigneto è affidata ai Frati Carmelitani Scalzi, che grazie alla loro esperienza e alla missione di Cura del Creato, come opera di contemplazione del Signore, si adoperano durante l’anno della coltivazione delle viti e di tutte le piante presenti all’interno dell’Orto – Giardino.

 

Ad Mensam e Prandium

Ad Mensam è il vino bianco ottenuto da una selezione di 17 varietà che ripercorrono la storia di Venezia. Tra queste ritroviamo Glera, Bianchetta trevigiana, Grapariol, diverse varietà di Malvasia, Verduzzo trevigiano e Dorona, che insieme ad altre danno origine ad un vino bianco con caratteristiche uniche. Il suo nome deriva dal fatto che è stato pensato principalmente per la funzione ecclesiastica, ma che i Frati Carmelitani Scalzi hanno piacere condividere con quanti vogliano scoprire di più riguardo la loro attività monastica a Venezia, attraverso anche un progetto di ricerca e di recupero congiunto con il Consorzio Vini Venezia.

Prandium è il vino rosso prodotto con un uvaggio di Raboso piave, Marzemino, Turchetta, Recantina ed altre varietà che rappresentano Venezia e la sua cultura viticolo – enologica, in grado di assecondare al meglio le ricette della tradizione, tra cui il noto “fegato alla veneziana”. È stato ideato anche questo per l’uso durante le celebrazioni eucaristiche, ma è apprezzato il suo consumo anche dai Frati Carmelitani Scalzi durante le cene, al termine delle giornate in cui si celebrano le festività dei Santi dell’Ordine dei Frati Carmelitani Scalzi e della Chiesa in generale. Anche questo vino è possibile acquistarlo presso il negozio adiacente il Convento di Venezia.

 

Il Giardino Mistico

Il Giardino Mistico è un luogo unico, dove spiritualità, natura, storia e viticoltura si fondono in un’unica entità. Qui i Frati Carmelitani Scalzi di Venezia custodiscono una collezione privata ed unica allo stesso tempo di piante orticole, arboree, officinali e un vigneto, tra i più antichi della Serenissima Repubblica dove insieme al Consorzio Vini Venezia è attivo un progetto di ricerca e recupero delle antiche varietà della storia della viticoltura ed enologia di Venezia, volto alla produzione dei vini Ad Mensam e Prandium. Nel massimo rispetto della natura, le coltivazioni sono condotte rispettando un disciplinare che contempla anche l’agricoltura biologica, affinché le piante e la fauna naturalmente presente, viva nell’equilibrio come espressione della volontà del Signore.

 

I Frati Carmelitani Scalzi a Venezia

I Frati Carmelitani Scalzi a Venezia sono una presenza preziosa e sentita non solo dalla comunità veneziana, ma da tutti i cristiani per le loro opere, tra cui quella di evangelizzazione, a partire dal Seicento.

Nei secoli si sono sempre occupati del sostegno alla città e a tutti coloro che avessero bisogno, oltre che della cura del creato. All’interno del Brolo (visitabile durante l’anno solo su prenotazione e in via esclusiva ogni anno durante l’evento Feel Venice) è presente un orto – giardino, dove si trova uno dei vigneti più antichi della Serenissima, oltre che un’unica collezione di piante, tra cui la Melissa moldavica, pianta da cui i Frati Carmelitani Scalzi ne estraggono un distillato con proprietà medicamentose, chiamato “Acqua di Melissa”.

 

Credits: Foto: Consorzio Vini Venezia e Ordine dei Frati Carmelitani Scalzi della Provincia Veneta; Testi: Consorzio Vini Venezia